Archivi per la categoria ‘E' STATO RICORDATO COSI'’

Prof. Pasquale Mucedola

sabato, 13 giugno 2009

A MIMÌ TOTA

Sono, anzi mi pregio di essere, uno dei tanti amici di Domenico Tota, il “Maestro”. Da poco docente in pensione come lui e suo vicino di casa, ho avuto il privilegio di incontrarlo nella vita e di ammirare la bontà, l’umanità, la semplicità, il sorriso, la curiosità, il grande amore per la nostra città che l’ha accolto sin dai primi anni di vita.

Ricordo con gioia i tanti sabato pomeriggio del 1996 trascorsi a seguire sulla TV locale “ALLEGRAMENTE INSIEME”, una simpatica trasmissione a premi con telefonate da casa e abilmente presentata dal nostro caro Maestro, che proponeva la promozione e la conoscenza della nostra città, oltre che nell’ambito artistico-culturale (chiese, palazzi, monumenti, eventi storici…), anche e soprattutto in quello della civiltà contadina (tradizioni, folklore, proverbi…). Nel corso di quelle trasmissioni Mimì ha recitato egregiamente diverse mie poesie in vernacolo spronandomi a continuare a scriverne tante.

Con una sottile vena di malinconia oggi voglio ricordarlo dedicandogli queste poche righe espresse nella lingua a lui cara: il nostro dialetto.

‘Nu sèmblëcë majèstrë dë vítë!

‘Nu jalandómë,

‘nu vérë majèstrë dë vítë!

Jalandòmmënë accusì andò li trúwë cchjù?

Sò ccúm’e li mòschë bbjànghë.

‘Na vótë ssciútë dâ scólë,

‘a pënzjónë accúmë cë l’ha jjëdútë?

Pò parè cchiuttòstë crëjúsë,

ma ‘a pënzjónë cë l’ha jjëdútë

fatëjànnë alluménë décë vótë dë cchjù,

sèmbë fujènnë pë da qqua, pë da llà.

Sscévë da ‘na scólë pë ttrascì jìnd’a ‘n’àvëtë,

pë ffà canòssc’ê waggljungìllë lu pajésë nòstrë

tàndë chèr’a jjìssë,

e ssènza pëgghjàrëcë pajètë

mànghë, ched’è, ‘nu cafè.

A ògne mmanëfestazjónë,

a ògne rrëjunjóna culturèla mbortàndë

truwèv’a jjìssë,

sèmbë pròndë chë la machënètta fotogràfëchë,

‘a cumbàgna sójë cchjù cchèrë,

dópë ca ha ppèrzë quèlla cchjù mbortàndë.

Quàndë n’ha ffàttë pë lu pajésë nòstrë!

Quànda candètë lu Vënardì Ssàndë,

sópë Sa nGiuwànnë avvunít’a li waggljungìllë,

a l’ingòndrë dë Ggesù e Mmaríjë.

E cchi cë li scòrdë cchjù,

dë lu córë dë Sànda Cecìljë,

quìlli fàccë d’armuníjë?

Accúmë Ggèsë Crìstë l’ha scupèrtë,

allassacrésë, dë bbòttë, cë l’ha ngrambètë,

a nnu’ cë l’ha ssciuppètë

pë ppurtaracìllë drìttë drìttë ngélë,

sènza passà mànghë pë lu Prëjatòrjë

lassànn’accusì vèdëvë Sanzëvírë

e ttra li làgrëmë fìgghj’e pparèndë,

cumbàgn’e ttùttë li pajësènë.

Accúmë Mimì ha mmìssë pédë ngélë,

Ggèsë Crìstë cë l’ha ssùbbëtë pprësëndètë

prím’a lu Pèdrë sójë

e ppu a Mmaríjë, ‘a Màmma chèra sójë.

Câ presènzë dë Mimì

li cungërtínë, nzìmmër’a l’àngël’e a ttùttë li Sàndë,

mo sò ttùttë ‘n’àta cósë!

Stà a nnu’ mo cumburtàrëcë bbónë,

- bbàst’a ccupjà a jjìssë -

putè jì ccusì mBaravísë

e ddëlëzjàrëcë angór’ e pë ssèmbë

chë qquìllu bbèllë córë sójë.

SAN SEVERO SPORT.COM

domenica, 7 giugno 2009

Poco attinente con l’argomento sport ma MOLTO legato alla città di San Severo, pubblichiamo la triste notizia riportando quella apparsa su www.SANSEVERESI.com:

Il maestro Domenico Tota, appassionato e instancabile amante della nostra cittadina e della sua storia, si è spento oggi, martedì 12 febbraio 2008.

Con queste poche righe intendiamo unirci al dolore che ha colpito la famiglia Tota e omaggiare un grande uomo che, nel corso della sua vita, ha dato tanto a San Severo e ai sanseveresi di tutte le età.
Profondo conoscitore di usi, costumi, monumenti e tradizioni della nostra cittadina, ha sempre offerto se stesso e le sue nozioni in modo assolutamente volontario e disinteressato.
Troppo difficile sarebbe ricordare le tante attività e iniziative da lui promosse e sostenute. Ci resta un grande esempio di vita da rispettare, da amare e da imitare.

Da parte di tutto lo staff di San Severo Sport, sentite condoglianze alla famiglia Tota.
Ciao Maestro.

IL GRECALE

domenica, 7 giugno 2009

S.Severo: Palazzo Celestini a lutto per il maestro Tota
Il primo cittadino interpretando il dolore dell’intera città ha ricordato i meriti di un uomo che tanto ha dato alla città

di Redazione

San Severo - Ha destato profonda commozione anche a Palazzo Celestini la notizia della scomparsa dell’insegnante Domenico Tota, insigne maestro per tante generazioni di ragazzi della città e uomo profondamente innamorato della sua San Severo. A tal proposito il Sindaco, Michele Santarelli, ha precisato: “La scomparsa di Mimì Tota riempie il nostro cuore di profonda amarezza e lascia un grande vuoto in tutti noi. E’ stato un infaticabile ed attento Insegnate, formatore scrupoloso e diligente per tante generazioni di giovani, ma anche una persona che ha amato tantissimo la sua terra e la sua città, impegnando il suo tempo nel sociale, soprattutto a beneficio dei giovani. Raggiunta l’età pensionabile, si è ancora dedicato ai più piccoli, tenendo degli apprezzati corsi di toponomastica e storia locale nelle scuole cittadine con gli auspici dell’assessorato alla pubblica istruzione. Ricordo anche con nostalgia un seguitissimo quiz per i bambini e per le famiglie che per oltre quindici anni ha tenuto incollati dinanzi ai teleschermi di Tele Radio San Severo ogni sabato pomeriggio migliaia e migliaia di sanseveresi per una trasmissione che mostrava a tutti le bellezze in ogni campo, soprattutto architettonico, della nostra San Severo”.
Per tutte queste qualità e per questi meriti al Maestro Domenico Tota, solo poche settimane fa, era stato assegnato uno dei riconoscimenti previsti nell’ambito del Premio “Città di San Severo”. In queste ore l’Amministrazione Comunale farà affiggere il seguente manifesto: “Il Sindaco, la Giunta, il Presidente ed il Consiglio Comunale, il Segretario Generale e i dipendenti tutti, interpretando il sentimento dell’intera cittadinanza, prendono viva parte al lutto e al dolore della famiglia per la dipartita del Maestro Domenico Tota, esemplare figura di animatore sociale, educatore elementare e docente di storia e toponomastica locale di migliaia di alunni delle scuole sanseveresi”. (Il Grecale - Red/Sv01)

SANSEVERESI.COM

domenica, 7 giugno 2009
LA SCOMPARSA DEL MAESTRO DOMENICO TOTA 20:42 - 12 Febbraio 2008

Scritto da Redazione

Il maestro Domenico Tota, appassionato e instancabile amante della nostra cittadina e della sua storia, si è spento oggi, martedì 12 febbraio 2008.
Con queste poche righe intendiamo unirci al dolore che ha colpito la famiglia Tota e omaggiare un grande uomo che, nel corso della sua vita, ha dato tanto a San Severo e ai sanseveresi di tutte le età.
Profondo conoscitore di usi, costumi, monumenti e tradizioni della nostra cittadina, ha sempre offerto se stesso e le sue nozioni in modo assolutamente volontario e disinteressato.
Troppo difficile sarebbe ricordare le tante attività e iniziative da lui promosse e sostenute. Ci resta un grande esempio di vita da rispettare, da amare e da imitare.

GARGANOPRESS.NET

domenica, 7 giugno 2009

di Giorgio Ventricelli

San Severo. Il maestro Domenico Tota è morto all’età di 78 anni. Grande conoscitore e studioso della storia locale del popoloso centro dauno, Mimì, come gli intimi solevano chiamarlo, ha insegnato per gran parte della sua vita presso scuole elementari e medie, trasmettendo la sua grande passione per la cultura e la storia ad intere generazioni di studenti.

Anche dopo la pensione, in maniera volontaria ha continuato ad istruire i suoi piccoli alunni alla conoscenza della toponomastica cittadina e agli usi e tradizioni locali.
Solo per citare un esempio, a lui si deve la scoperta delle antiche targhe posizionate lungo le pareti degli edifici, ed usate per indicare il nome delle vie cittadine, coperte da strati di calce e dimenticate dalla memoria del popolo, attraverso un meticoloso recupero della toponomastica che ha consentito di poter ricostruire in modo significativo una parte concreta ed importante della storia sanseverese.
Molti lo ricorderanno anche come conduttore televisivo di un quiz dedicato alla famiglie sull’emittente Tele Radio San Severo, andato in onda per quindi anni.
Il poliedrico maestro verrà anche ricordato per la sua decennale presenza durante l’incontro del Venerdì Santo, processione che vede la statua della Madonna Addolorata e del Cristo “Ecce Homo” incontrarsi dopo una breve corsa al centro di piazza Castello, dirigere il coro dei bambini che, accompagnati dalla banda musicale, intrattenevano il pubblico accorso alla processione religiosa, con canti sacri e tradizionali.
Anni addietro era stato responsabile di un progetto di formazione per guide turistiche, purtroppo mai decollato per colpa degli allora amministratori comunali, in cui il maestro Tota diede dimostrazione di una conoscenza minuziosa di luoghi, monumenti, racconti, aneddoti, lasciando entusiasti gli allievi al suo seguito.
Non molto tempo fa, gli era stato conferito il premio “Città di San Severo”, ambito riconoscimento attribuitogli per il prezioso contributo dato alla storia e cultura cittadina nel corso di tutti questi anni, e per i meriti di educatore e ricercatore di storia e toponomastica locale, oltre che per la sua grande sensibilità e competenza nell’insegnamento.
Alle generazione future spetta il compito di non buttare alle ortiche il patrimonio di conoscenze costruito in anni di paziente e diligente impegno di un uomo che ha saputo e voluto condividere la passione di una vita con i suoi concittadini, anche con quelli che hanno avuto il coraggio di sbeffeggiarlo più volte accusandolo di “non avere niente da fare”, proprio loro, gente riunita dalla mattina alla sera davanti ad un bar o nei “luoghi strategici” ad osservare il mondo da un oblò di ignoranza e tristezza culturale.
San Severo perde uno dei suoi più promettenti figli, ma non resta privo del suo impegno: a chi di competenza, spetta l’arduo compito della memoria e dell’impegno ad utilizzare questo patrimonio di conoscenze per lo sviluppo culturale e sociale di una città di grande cultura e storia.
Grazie maestro Tota!

CAPITANATA.IT

domenica, 7 giugno 2009

13.02.2008
LA SCOMPARSA DEL MAESTRO TOTA
Profonda commozione anche dell’amministrazione comunale

Ha destato profonda commozione anche a Palazzo Celestini la notizia della scomparsa dell’insegnante Domenico Tota, insigne Maestro per tante generazioni di ragazzi della città e uomo profondamente innamorato della sua San Severo.
Al proposito il Sindaco, avv. Michele Santarelli, ha inteso rilasciare la seguente dichiarazione: “La scomparsa di Mimì Tota riempie il nostro cuore di profonda amarezza e lascia un grande vuoto in tutti noi. E’ stato un infaticabile ed attento Insegnate, formatore scrupoloso e diligente per tante generazioni di giovani, ma anche una persona che ha amato tantissimo la sua terra e la sua città, impegnando il suo tempo nel sociale, soprattutto a beneficio dei giovani. Raggiunta l’età pensionabile, si è ancora dedicato ai più piccoli, tenendo degli apprezzati corsi di toponomastica e storia locale nelle scuole cittadine con gli auspici dell’assessorato alla pubblica istruzione. Ricordo anche con nostalgia un seguitissimo quiz per i bambini e per le famiglie che per oltre quindici anni ha tenuto incollati dinanzi ai teleschermi di Tele Radio San Severo ogni sabato pomeriggio migliaia e migliaia di sanseveresi per una trasmissione che mostrava a tutti le bellezze in ogni campo, soprattutto architettonico, della nostra San Severo”.
Per tutte queste qualità e per questi meriti al Maestro Domenico Tota, solo poche settimane fa, era stato assegnato uno dei riconoscimenti previsti nell’ambito del Premio “Città di San Severo” con la seguente motivazione: “All’’ins. DOMENICO TOTA, per gli speciali meriti di educatore e ricercatore-insegnante di storia e toponomastica locale in favore della Città di San Severo, nella quale risiede da 74 anni, pur essendo nato a Corato (Bari).
In queste ore l’Amministrazione Comunale farà affiggere il seguente manifesto:
Il Sindaco, la Giunta, il Presidente ed il Consiglio Comunale, il Segretario Generale e i dipendenti tutti, interpretando il sentimento dell’intera cittadinanza, prendono viva parte al lutto e al dolore della famiglia per la dipartita del Maestro Domenico Tota, esemplare figura di animatore sociale, educatore elementare e docente di storia e toponomastica locale di migliaia di alunni delle scuole sanseveresi”.
San Severo, 13 febbraio 2008
Il Portavoce
(Michele Princigallo)

LA GAZZETTA DI SAN SEVERO

domenica, 7 giugno 2009

16 febbraio 2008

_mg_3967

LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO

domenica, 7 giugno 2009

giovedi 14 febbraio 2008

_mg_39643

L’ATTACCO

domenica, 7 giugno 2009

venerdi 15 febbraio

_mg_39661

L’ATTACCO

domenica, 7 giugno 2009

martedi 19 febbraio

_mg_39701

LA GAZZETTA DI SAN SEVERO

domenica, 7 giugno 2009

_mg_3971

DIREZ. DIDATTICA STATALE 1° CIRCOLO “E. DE AMICIS”

venerdì, 5 giugno 2009

MIMI’. Grande amico della scuola e di tutti.

COMITATO CITTADINO DEI GENITORI DEGLI ALUNNI DELLE SCUOLE MATERNE ELEMENTARI E MEDIE

venerdì, 5 giugno 2009

Maestro Domenico Tota, quale figura carismatica ed esemplare, per quanti l’hanno conosciuto e stimato.

CONDOMINIO RINNOVAMENTO

venerdì, 5 giugno 2009

Padre esemplare, nonno affettuoso e presente, maestro di vita, educatore instancabile e creativo, ricco di originali risorse organizzative, lascia la sua preziosa eredità alle future generazioni cittadine.

DIREZ. DIDATTICA STATALE 5° CIRCOLO “SAN GIOVANNI BOSCO”

venerdì, 5 giugno 2009

Maestro Domenico Tota. Che con proficua passione ed encomiabile impegno contribuì alla formazione civica degli alunni del 5° circolo, inclinandoli all’amore per l’arte e per la città di San Severo.

AZIONE CATTOLICA SAN SEVERO

venerdì, 5 giugno 2009

Maestro Tota, educatore e formatore instancabile, ha guidato per molti anni la nostra associazione.

PARROCCHIA CATTEDRALE SAN SEVERO

venerdì, 5 giugno 2009

La comunità tutta grata al signore per aver beneficiato della presenza e dell’impegno apostolico di MIMINO TOTA, si unisce, nella Fede pasquale, alla famiglia ed eleva per lui preghiere di suffragio.

DIREZIONE DIDATTICA 3° CIRCOLO

venerdì, 5 giugno 2009

Maestro insigne, modello per tutti noi docenti, il suo senso del dovere, il suo amore per i bambini, i suoi insegnamenti, rimarranno per sempre nel cuore di noi tutti.